Intervista ad uno dei detenuti protagonista del laboratorio «Fare cinema in carcere… libera la bellezza»

Il cortometraggio «Fuga d’affetto» è il prodotto finale del laboratorio «Fare cinema in carcere… libera la bellezza», nato dalla collaborazione della coop. sociale Sirio e l’ass. culturale Kinoki con il Liceo artistico Paolo Toschi di Parma. Il laboratorio ha visto la partecipazione di 25 detenuti nelle sezioni di Alta Sicurezza 1 e 3 degli Istituti Penitenziari di Parma, condannati a pene ostative, esclusi cioè dalle misure alternative al carcere, che da giugno 2013 hanno seguito lezioni e seminari sul linguaggio cinematografico e televisivo, fino alla scrittura, dopo sei mesi, del soggetto. Il video è stato poi realizzato dai ragazzi del liceo artistico Toschi che da febbraio a luglio 2014 hanno provveduto a regia e riprese insieme all’attrice Franca Tragni, coordinati da Michele Gennari e Mario Ponzi. Il corto è stato ufficialmente presentato a Parma a fine ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *